RFID - Identificazione automatica a radiofrequenza.

Notizie, novità e risorse dall'Italia e dal mondo sull'RFID: la tecnologia, le soluzioni, le società, le persone, gli aspetti etici e sociali

Home Page | Notizie | F.A.Q. | Glossario | Eventi | Aziende | Leggi e Provvedimenti | Risorse | Tesi | Contatti | Collegamento al feed RSS delle notizie di newsrfid.com Feed RSS

Iscriviti alla newsletter di newsrfid.com!
(Informativa sulla privacy)

Ricerca personalizzata

Home Page » Notizie sull'RFID » Discussioni RFID » L'RFID sottocutaneo non decolla: VeriChip perde la sua sfida ed è costretta a vendere

Collegamento al feed RSS delle notizie di newsrfid.com Prendi il feed RSS delle notizie di newsrfid.com!

23 Maggio 2008 - L'RFID sottocutaneo non decolla: VeriChip perde la sua sfida ed è costretta a vendere

in "Discussioni RFID"
Il business di VeriChip, basato sulla produzione di chip a radio frequenza destinati all'inserimento sotto la cute degli esseri umani, sembra essere arrivato al suo epilogo a causa dei limitati ritorni economici, influenzati probabilmente anche delle dure critiche di chi temeva per la propria privacy.

Dalle notizie (molte, a dire la verità) fuoriuscite dagli ambienti della società americana VeriChip, a partire dalla retrocessione di Scott Silverman (dal ruolo di CEO a quello di semplice consulente di vendita per il progetto Health Link) fino ad arrivare alla cessione di Xmark, una delle più redditizie compagnie sussidiarie della società (pare che la maggior parte dei guadagni della compagnia provenisse proprio da Xmark, specializzata in soluzioni RFID tradizionali), sembra ormai innegabile il fallimento del progetto aziendale incentrato sulla produzione di chip RFID sottocutanei per gli esseri umani.

Silverman è stato sostituito da Joseph Grillo, già CEO di Digital Angel, proprietaria del 48,2% di VeriChip e impegnata nell'area RFID dedicata alla tracciatura degli animali domestici e sono già nell'aria voci riguardanti la possibilità di una vendita completa della società.


Nel frattempo tuttavia, VeriChip continua ostinatamente a cercare di aumentare le vendite nell'ambito del progetto Health Link (progetto per chip sottocutanei finalizzati a facilitare il riconoscimento e l'identificazione sanitaria in ambito ospedaliero, a cui avevamo dedicato molta attenzione all'inizio del mese di maggio e di cui questo articolo è la prevedibile conclusione), nonostante sia ormai sotto gli occhi di tutti l'impossibilità di rientrare degli investimenti effettuati soprattutto in fase di marketing.

La conclusione, espressa anche dallo stesso Jay McKeage, vicepresidente di VeriChip per lo sviluppo aziendale, è che questo business model basato sulla proposta di tag RFID per gli esseri umani, non solo non sia redditizio, ma che addirittura non riesca ad autosostenersi (sebbene Health Link sia in fase iniziale, le entrate derivate dalla vendita di chip RFID sottocutanei sono state nel primo trimestre del 2008 di circa 3.000 dollari, a fronte di una perdita di 1,5 milioni di dollari).

Il freno, come ben sanno ormai i nostri lettori, è naturalmente derivato dalla cattiva pubblicità ottenuta da VeriChip in passato e dalle polemiche che l'idea di chip impiantati sottopelle negli esseri umani hanno scatenato in termini di privacy e di sicurezza dei dati personali (oltre a quelle sui possibili danni alla salute provocati dai tag sottopelle).

La diatriba ha visto schierarsi su frangenti opposti chi temeva per le proprie informazioni personali e chi invece considera l'iniziativa come un innovativo e tecnologico metodo per velocizzare molti processi e, in alcuni casi, salvare delle vite.
Sorvolando sui fanatismi scattati da ambo le parti (da chi vede nell'RFID sottocutaneo un modo per controllare gli spostamenti delle persone “taggate” a chi invece lo userebbe per ogni cosa, facendo a meno anche fisicamente del denaro), quello che obiettivamente può essere detto è che il progetto di VeriChip, pur essendo stato demonizzato dai più, ha forse puntato su un bacino di utenza troppo ampio e non sufficientemente motivato a valutare i possibili vantaggi della proposta, che, se fosse stata studiata in modo differente ed indirizzata verso settori più circoscritti e mirati, avrebbe potuto avere maggiori riscontri.

A quanto sembra invece, la ricerca di volontari nell'ambito del progetto Health Link, soprattutto dopo le polemiche che già in passato avevano investito la società, non ha portato il successo sperato e, nonostante il tentativo di continuare la vendita, l'impianto di chip RFID sugli esseri umani verrà probabilmente abbandonato.

Oppure, anche se meno probabile, se VeriChip troverà una società disposta ad acquisirla il progetto passerà in altre mani, per venire poi gestito in maniera differente.


Ultime 10 notizie

16/11/2009 - Il prossimo iPhone sarà RFID?

13/10/2009 - A due anni dal primo progetto Manpower sceglie di implementare il suo sistema RFID

11/09/2009 - Con la nuova Carta di Ateneo l'Italia fa un importante passo avanti nel campo dell'RFID e dei pagamenti contactless

21/08/2009 - Tessera del tifoso: il governo italiano e Telecom scelgono l'RFID per l'accesso agli stadi di calcio

22/07/2009 - Da DAILY RFID tag e reader a basso costo per il controllo accessi

22/06/2009 - Dal Cedites arriva il rapporto sulla diffusione dell'RFID nella filiera italiana del fashion

26/05/2009 - Innovazioni RFID anche dall'Italia: ecco i nuovi reader a radio frequenza UHF con bluetooth di CAEN RFID

11/05/2009 - La casa automobilistica Ford pensa alle famiglie e si affida all'RFID

21/04/2009 - Amusement, la rivista di videogames e high tech che offre contenuti extra via RFID

06/04/2009 - Un incendio? Ci pensa l'RFID a localizzare le persone in pericolo all'interno degli edifici

10 notizie più lette

30/03/2006 - Anche la Procte & Gamble si affida alla radiofrequenza

16/11/2009 - Il prossimo iPhone sarà RFID?

13/12/2005 - Nasce il forum di News RFID

07/10/2005 - La Fiera di Parma ospita FOOD ID 2005, il primo forum internazionale sulla tracciabilità alimentare

16/10/2008 - RFID alla conquista del gioco d'azzardo: anche il mondo dei casinò punta sull'identificazione a radio frequenza!

06/04/2009 - Un incendio? Ci pensa l'RFID a localizzare le persone in pericolo all'interno degli edifici

13/10/2009 - A due anni dal primo progetto Manpower sceglie di implementare il suo sistema RFID

11/09/2009 - Con la nuova Carta di Ateneo l'Italia fa un importante passo avanti nel campo dell'RFID e dei pagamenti contactless

30/08/2007 - Office Depot: un altro grande marchio sceglie i pagamenti contactless

21/08/2009 - Tessera del tifoso: il governo italiano e Telecom scelgono l'RFID per l'accesso agli stadi di calcio



Lascia il tuo commento!

Hai trovato questo notizia interessante? Se vuoi dire la tua o qualsiasi altra cosa ti venga in mente, lascia il tuo commento!

N.B. Tutti i campi sono obbligatori

Scrivi il tuo commento!

* campi obbligatori

Visual CAPTCHA




© 2004 - 2017 Axura SRL | Vuoi saperne di più sul VoIP? Visita Voipping - Notizie VoIP