RFID - Identificazione automatica a radiofrequenza.

Notizie, novità e risorse dall'Italia e dal mondo sull'RFID: la tecnologia, le soluzioni, le società, le persone, gli aspetti etici e sociali

Home Page | Notizie | F.A.Q. | Glossario | Eventi | Aziende | Leggi e Provvedimenti | Risorse | Tesi | Contatti | Collegamento al feed RSS delle notizie di newsrfid.com Feed RSS

Iscriviti alla newsletter di newsrfid.com!
(Informativa sulla privacy)

Ricerca personalizzata

Home Page » Notizie sull'RFID » Soluzioni RFID » In Svezia i cavalli crescono con l'RFID

Collegamento al feed RSS delle notizie di newsrfid.com Prendi il feed RSS delle notizie di newsrfid.com!

9 Agosto 2007 - In Svezia i cavalli crescono con l'RFID

in "Soluzioni RFID"
Un nuovo sistema basato sull'identificazione automatica a radiofrequenza promette di migliorare la salute degli animali all'interno degli allevamenti equini.

RFID Journal, autorevole portale americano dedicato al mondo dell'RFID, ha pubblicato in questi gironi una notizia riguardante un originale e interessante nuovo progetto di identificazione automatica a radiofrequenza.

L'iniziativa proviene dalla Svezia e, in sintesi, promette di applicare la tecnologia RFID agli allevamenti equini, con il risultato di migliorare le condizioni lavorative degli allevatori e contestualmente salvaguardare la salute dei cavalli.


Dopo una fase di testing durata alcuni anni, un team di ricercatori del Radio Frequency Investment Group Sweden (RFIG) ha annunciato che il prototipo di mangiatoie automatiche a radiofrequenza per cavalli sarà commercializzato a breve in Europa e nei Paesi del Golfo Persico, per poi sbarcare negli USA questo autunno.

L'oat-o-mat, questo il nome del dispositivo sviluppato in collaborazione con Galaxia, offre diversi benefici agli allevatori:

  • ne alleggerisce il carico di lavoro, suddividendo automaticamente le porzioni di cibo destinate ai cavalli;
  • assicura che i cavalli più deboli abbiano una quantità di cibo sufficiente, anche nel caso in cui siano allontanati dalla mangiatoia da animali più prestanti;
  • standardizza gli orari dei pasti, evitando che i cavalli si innervosiscano eccessivamente e permettendo loro una migliore digestione;
  • offre agli allevatori un complesso di informazioni utili a monitorare costantemente le condizioni di salute dei cavalli.

Scendendo nei dettagli, scopriamo che ogni cavallo viene equipaggiato con un tag RFID passivo RW a 125 Hz fissato alla testiera proprio sotto il muso. La scelta è stata operata per evitare di dover impiantare i chip sotto pelle agli animali, operazione che sarebbe risultata sicuramente più invasiva.

Nel momento in cui un animale si avvicina alla mangiatoia, un lettore RFID rileva le informazioni contenute nel tag e provvede a selezionare la quantità di cibo adeguata, facendola poi scivolare di fronte all'animale. Il sistema è alimentato grazie a pannelli solari montati sul tetto, che provvedono autonomamente a dare energia a PC, antenne, lettori e piccoli motori che compongono il sistema.

Nel caso frequente in cui un altro cavallo sposti quello a cui era destinato il cibo e glielo rubi, il sistema ne rileva la presenza e avvisa via wireless che un preciso animale quel giorno ha mangiato troppo mentre un altro non ha ricevuto la sua razione. Il fattore può in questo modo regolare la quantità di cibo, destinata ai cavalli coinvolti nel piccolo incidente, per i pasti successivi.

Secondo i realizzatori del sistema, ai cavalli occorrono solamente cinque minuti per capire come funziona il sistema oat-o-mat, aggiungendo che spesso ricordano addirittura da quale finestra viene servito il cibo che spetta a quelli della loro taglia.

Un'attenzione particolare è stata posta alle possibili complicazioni derivanti dagli errori di lettura: per questo è stato implementato un meccanismo di sicurezza che consente ai tag di comunicare con solo una delle antenne presenti, in modo da evitare somministrazioni multiple.

Durante la fase di test altri problemi emersi hanno riguardato le possibili interferenze dei componenti metallici della mangiatoia con le antenne, i danni causati dagli animali alla ricerca del bis e l'insufficienza dell'alimentazione ad energia solare durante i mesi invernali.

I prezzi dell'oat-o-mat varieranno tra i 5.000 dollari per un sistema a due finestre ai 10.000 per uno a quattro. Secondo Lucas Ahlstrom, membro del comitato esecutivo di RFIG, il Ritorno sull'Investimento verrà valutato sulla base della diminuzione del cibo sprecato, del miglioramento della salute degli animali e del tempo guadagnato dai dipendenti dell'allevamento.

Un'iniziativa certamente originale: resta ora da valutare se gli allevatori di tutto il mondo riterranno questi vantaggi sufficienti a giustificare l'investimento importante necessario ad attrezzare le proprie aziende con oat-o-mat.


Ultime 10 notizie

16/11/2009 - Il prossimo iPhone sarà RFID?

13/10/2009 - A due anni dal primo progetto Manpower sceglie di implementare il suo sistema RFID

11/09/2009 - Con la nuova Carta di Ateneo l'Italia fa un importante passo avanti nel campo dell'RFID e dei pagamenti contactless

21/08/2009 - Tessera del tifoso: il governo italiano e Telecom scelgono l'RFID per l'accesso agli stadi di calcio

22/07/2009 - Da DAILY RFID tag e reader a basso costo per il controllo accessi

22/06/2009 - Dal Cedites arriva il rapporto sulla diffusione dell'RFID nella filiera italiana del fashion

26/05/2009 - Innovazioni RFID anche dall'Italia: ecco i nuovi reader a radio frequenza UHF con bluetooth di CAEN RFID

11/05/2009 - La casa automobilistica Ford pensa alle famiglie e si affida all'RFID

21/04/2009 - Amusement, la rivista di videogames e high tech che offre contenuti extra via RFID

06/04/2009 - Un incendio? Ci pensa l'RFID a localizzare le persone in pericolo all'interno degli edifici

10 notizie più lette

30/03/2006 - Anche la Procte & Gamble si affida alla radiofrequenza

16/11/2009 - Il prossimo iPhone sarà RFID?

13/12/2005 - Nasce il forum di News RFID

16/10/2008 - RFID alla conquista del gioco d'azzardo: anche il mondo dei casinò punta sull'identificazione a radio frequenza!

07/10/2005 - La Fiera di Parma ospita FOOD ID 2005, il primo forum internazionale sulla tracciabilità alimentare

06/04/2009 - Un incendio? Ci pensa l'RFID a localizzare le persone in pericolo all'interno degli edifici

13/10/2009 - A due anni dal primo progetto Manpower sceglie di implementare il suo sistema RFID

11/09/2009 - Con la nuova Carta di Ateneo l'Italia fa un importante passo avanti nel campo dell'RFID e dei pagamenti contactless

30/08/2007 - Office Depot: un altro grande marchio sceglie i pagamenti contactless

21/08/2009 - Tessera del tifoso: il governo italiano e Telecom scelgono l'RFID per l'accesso agli stadi di calcio



Lascia il tuo commento!

Hai trovato questo notizia interessante? Se vuoi dire la tua o qualsiasi altra cosa ti venga in mente, lascia il tuo commento!

N.B. Tutti i campi sono obbligatori

Scrivi il tuo commento!

* campi obbligatori

Visual CAPTCHA




© 2004 - 2017 Axura SRL | Vuoi saperne di più sul VoIP? Visita Voipping - Notizie VoIP