RFID - Identificazione automatica a radiofrequenza.

Notizie, novità e risorse dall'Italia e dal mondo sull'RFID: la tecnologia, le soluzioni, le società, le persone, gli aspetti etici e sociali

Home Page | Notizie | F.A.Q. | Glossario | Eventi | Aziende | Leggi e Provvedimenti | Risorse | Tesi | Contatti | Collegamento al feed RSS delle notizie di newsrfid.com Feed RSS

Iscriviti alla newsletter di newsrfid.com!
(Informativa sulla privacy)

Ricerca personalizzata

Home Page » Domande e Risposte sull'RFID (F.A.Q.)



Che differenza c'è tra tag attivi e passivi?

I tag passivi non sono alimentati, e riescono a rispondere ad eventuali interrogazioni proprio grazie alla corrente elettrica trasmessa dall'antenna dell'apparecchio richiedente, sufficiente per alimentarli per rispondere.

Grazie a questa loro caratteristica, i tag passivi arrivano ad essere molto piccoli

Che cos'è Zigbee?

Zigbee è un insieme di specifiche basato sullo standard IEEE-802.15.4 per la creazione di Wireless Personal Area Network (WPAN).

Paragonabile per certi versi al Bluetooth, spicca per i bassissimi consumi previsti ed il basso costo di implementazione, pur sacrificando il trasferimento dati previsto al massimo in 250 kbit/s.

Le apparecchiature Zigbee, dalle dimensioni ridotte e con costi che possono essere anche di pochi dollari, sono pensate per lavorare in reti dedicate auto organizzanti (Mesh Networks) e troveranno applicazione in moltissimi campi: per il pubblico generico il campo di utilizzo più evidente sarà la domotica.

Cosa cambia tra Tag ad alta frequenza e bassa frequenza?

Come si intende dal nome, vi è innanzitutto una sostanziale differenza fisica tra queste due categorie di Tag: i primi funzionano generalmente alla frequenza di 13,56 MHz, i secondi a 125 KHz. Questa differenza della frequenza di funzionamento comporta altre diversità tra queste due tipologie di TAG: quelli “high frequency” vengono letti fino a 2,5m e sono molto veloci nella trasmissione dei dati, i “low frequency Tag” invece, sono letti a distanze inferiori al metro ed hanno una bassa velocità di trasmissione dati. Di contro i primi consumano più energia e constano di più rispetto a quelli a bassa frequenza, che oltre ad essere più economici sono anche meno soggetti a fenomeni di interferenza.
Esistono anche dei Tag UHF (Ultra High Frequency) che lavorano a frequenze tra 866 MHz e 930 MHz: essi trasmettono dati ad altissima velocità ed a distanze molto maggiori rispetto alle due categorie precedenti, per contro sono molto costosi, consumano molta più energia e le onde che emettono non si propagano in oggetti con un alto contenuto di acqua.

Che differenza c'è tra i Tag in modalità Read-only e quelli Read-write?

Queste due sigle letteralmente significano “solo lettura” e “lettura scrittura”. Esse definiscono due tipologie di Tag RFID: la prima indica etichette sulle quali vengono scritte informazioni che possono essere solamente lette dagli appositi rilevatori; la seconda indica Tag sui quali l'informazione può essere scritta, cancellata e riscritta per svariate volte. E' la medesima differenza che passa tra un normale CD-R ed un CD-RW (re-writable, quindi riscrivibile).
Si può intuire che i read-write Tag hanno un costo più alto, ma non di molto, rispetto a quelli read-only.

Le onde radio emesse dai circuiti RF-ID sono dannose per il corpo umano?

I dispositivi RF-ID emettono onde radio, onde elettromagnetiche a frequenza molto bassa, che sonoassolutamente innocue per il nostro corpo. Viviamo comunque in un mondo nel quale, giustamente o meno, siamo continuamente circondati da oggetti che emettono onde elettromagnetiche; si pensi ai recenti sistemi Gprs piuttosto che ai comuni telefoni cellulari, ma non solamente ad oggetti così moderni: un normale televisore e persino una vecchia radio, emettono onde elettromagnetiche.
E' quindi più di mezzo secolo che i nostri corpi "convivono" con le onde elettromagnetiche senza che esse causino loro problemi di alcun tipo.

Che differenza c'è tra un'antenna “Linear-polarized” ed una “Circular-polarised”?

Un'antenna “a polarizzazione lineare” è un dispositivo che focalizza l'energia radio proveniente dal reader in un'unico orientamento (o polarità). Questo permette di aumentare la distanza di lettura, riuscendo ad incrementare la capacità di penetrazione dell'onda radio emessa; le antenne “Circular-polarized” emettono invece onde radio in maniera circolare (come si può intuire dal nome): chiaramente il raggio d'azione del reader è minore ma vi sono più possibilità di “colpire” il tag; infatti quest'ultimo tipo di antenna viene utilizzato in situazioni nelle quali i tag applicati sui prodotti non possono essere controllati, invece in caso di reader dotati di antenna “Linear-polarized, le etichette dovranno essere allineate con molta precisione in direzione dell'antenna stessa.

Cosa sono e come funzionano i sistemi anti-collisione?

I sistemi anti-collisione sono delle procedure che vengono utilizzate per gestire la lettura di più tag contemporaneamente; tecnicamente questi sistemi prevengono l'episodio fastidioso della sovrapposizione di onde radio, emesse da tag diversi, che finiscono col disturbano vicendevolmente. All'interno di un unico campo elettromagnetico generato da una singola antenna di un reader, è possibile gestire la lettura di tag diversi grazie ad algoritmi detti appunto anti-collisione, che regolano gli intervalli di tempo nei quali devono essere letti i tag: in questo modo non si verificano interferenze e non si corre il rischio di ricevere informazioni errate od imprecise.


© 2004 - 2017 Axura SRL | Vuoi saperne di più sul VoIP? Visita Voipping - Notizie VoIP